GUALTIERI 

I militari sequestrano un’agenda con nomi e numeri di telefono

GUALTIERI. Un’agenda con nomi e numeri di telefono. È quella che i carabinieri hanno sequestrato la scorsa notte a casa del 50enne Manuel Bonazzi, titolare del ristorante e della piscina di Pieve...

GUALTIERI. Un’agenda con nomi e numeri di telefono. È quella che i carabinieri hanno sequestrato la scorsa notte a casa del 50enne Manuel Bonazzi, titolare del ristorante e della piscina di Pieve Saliceto.

Gli inquirenti vogliono capire se l’agenda sia in qualche modo legata all’attività di spaccio e pertanto stanno passando al setaccio le informazioni contenute all’interno. Una circostanza che probabilmente toglierà il sonno a più di una persona.

La notizia dell’arresto ieri ha creato grande scalpore a Gualtieri e nella Bassa in generale. Il locale Aqua el Paraiso è molto conosciuto: sia come piscina che come luogo per gli eventi e le feste in generale (anche se va detto che l’arresto non è avvenuto all’interno dell’attività).

È la seconda volta, nel giro di poco tempo, che Gualtieri viene scossa da un’operazione antidroga che coinvolge persone molto in vista. Un anno fa finiva in manette il parrucchiere Rudy Mora, condannato nei giorni scorsi a 10 anni di galera per spaccio di droga (un complice ha invece preso quattro anni e due mesi). Il punto in comune di queste due vicende è che le persone coinvolte sono reggiane, perfettamente inserite nelle loro comunità e che gestiscono attività note e aperte al pubblico.

Le indagini portano anche a Guastalla e negli altri Comuni della Bassa. Non risulta al momento che le due vicende siano collegate, anche se è noto che i carabinieri della Compagnia di Guastalla stanno svolgendo indagini per ricostruire il giro d’affari gestito dal parrucchiere di Gualtieri.

Un aspetto che è rimasto ancora oscuro è chi fossero i fornitori di droga di Rudy Mora: persone che l’uomo non ha mai voluto nominare, probabilmente per timore di ritorsioni.

Le perquisizioni dell’auto e dell’abitazione del ristoratore Manuel Bonazzi sono avvenute dopo averlo visto in circostanze sospette, ma i riflettori sull’uomo si erano comunque accesi da un po’ di tempo.

©RIPRODUZIONE RISERVATA.