Reggio Emilia, scoperta una pensione abusiva per stranieri a Santa Croce

I carabinieri indagando su documenti di identità contraffatti hanno localizzato “pensione” abusiva. Nei guai due pakistani, sequestrata documentazione presso l’Ufficio Anagrafe del Comune di Reggio Emilia.

REGGIO EMILIA. Avevano delle tariffe per ogni posto letto, organizzati come una vera e propria pensione per stranieri davanti ai cantieri per il milionario Tecnopolo. Peccato che era tutto abusivo, i pagamenti avvenivano in nero e i due proprietari pakistani dell'immobile erano in possesso di due carte di identità contraffatte. Una scoperta che ha finito per coinvolgere nelle indagini anche un dipendente dell'anagrafe comunale.

Una scoperta effettuata durante le attività d’indagine e monitoraggio degli stranieri provenienti dalle aree sensibili per terrorismo. I carabinieri del Nucleo Informativo del comando provinciale di Reggio Emilia, assieme ai militari del Nucleo Investigativo e della compagnia carabinieri del capoluogo reggiano, hanno infatti eseguito un decreto di  perquisizione domiciliare emesso dalla Procura reggiana in un appartamento in zona Santa Croce, a due passi dal Tecnopolo e dal parcheggio di piazzale Europa. Una casa che era già stata notata dai militari per un sospetto via vai di stranieri.

La perquisizione ha poi escluso il contesto terroristico ma ha portato al rinvenimento e al sequestro di alcune carte d’identità contraffatte e un computer portatile ora al vaglio del personale specializzato dell'Arma. Durante le operazioni è stata inoltre trovata e sequestrata della documentazione contabile dalla quale è emerso come quell’abitazione fungesse anche da struttura ricettiva per immigrati, con tanto di tariffe per l’affitto di un singolo posto letto che arrivavano sino a 150 euro.

All’interno dell’abitazione i carabinieri, oltre ai due proprietari di nazionalità pakistana, hanno identificato anche altri sei connazionali, tutti con regolare permesso di soggiorno, ospitati in quella che si è rivelata a tutti gli effetti una pensione abusiva per cittadini.

Un'attività che era molto remunerativa per i padroni di casa i quali, probabilmente, la portavano avanti da parecchio tempo. Le prime indagini infatti hanno scoperto, a vantaggio dei due proprietari pakistani, pagamenti in  nero per circa 20.000 euro. Una cifra che ora è sotto l'attenzione dell'ufficio delle Agenzie delle Entrate per le opportune verifiche e il recupero delle tasse.

Ma le indagini non si sono fermate alla pensione per stranieri e i carabinieri, da Santa Croce, si sono spostati negli uffici dell'Anagrafe della città per recuperare le matrici dei documenti di identità falsificati. Nefli uffici comunali hanno effettuato una seconda perquisizione scoprendo e sequestrando una serie di documenti utili agli investigaori. 

Attualmente, quindi, sono indagati i due cittadini pakistani proprietari della casa, un 30enne e un 33enne abitanti in città, e un cittadino italiano 48enne dipendente pubblico dell'Anagrafe comunale.

I tre sono accusati a vario titolo dei reati di  falsità materiale commessa da privato, uso di atto falso, falsa attestazione o dichiarazione a un pubblico ufficiale sull’identità personale, possesso e fabbricazione di documenti di identificazione falsi e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, omessa denuncia di reato da parte del pubblico ufficiale e concorso in falsità materiale commessa da Pubblico Ufficiale in atti pubblici. Le ultime due accuse sono a carico del 48enne italiano.