Reggio Emilia, alla guida senza patente causa l’incidente e fugge

di Ambra Prati

Nei guai un giovane albanese che ha investito un’auto guidata da una 75enne A tradirlo la targa rimasta in mezzo alla strada, ritrovata dalla polizia municipale 

REGGIO EMILIA. Ha provocato un incidente stradale ferendo un’anziana e dandosi alla fuga subito dopo, senza prestarle soccorso, anche perché non aveva mai conseguito la patente. Il gesto è costato caro al pirata della strada, un 25enne di nazionalità albanese che, identificato grazie alla targa persa sul luogo del sinistro, è stato denunciato per il reato di omissione di soccorso e dovrà pagare una multa di 5mila euro.

Il fatto si è verificato venerdì sera, verso mezzanotte, in via Papa Giovanni XXIII, all’altezza del distributore di benzina dove il giovane si era fermato per fare rifornimento a un’Audi. Nell’uscire dalla stazione di servizio, il conducente ha svoltato verso il centro città, eseguendo una manovra azzardata: si è allargato troppo ed ha finito per invadere la corsia opposta di marcia. Proprio in quel momento su quella carreggiata sopraggiungeva una Fiat Punto guidata da una donna reggiana di 75 anni, che viaggiava sola. L’impatto tra le due vetture è stato violento e le conseguenze si sono limitate a notevoli danni alle macchine solo perché la pensionata procedeva a velocità limitata. Appena ha realizzato di aver provocato l’incidente, il 25enne ha fatto frettolosamente retromarcia, ha invertito la direzione di marcia ed è scappato verso Modena. In realtà - come ha accertato in seguito una pattuglia della polizia municipale intervenuta per eseguire i rilievi - pochi metri dopo l'uomo ha nascosto la macchina dietro a una siepe per incamminarsi verso casa a piedi, visto che abita nelle vicinanze, nella zona del campo da baseball tra i quartieri Mirabello e Pappagnocca.

La donna ferita è stata prontamente soccorsa da alcuni passanti che hanno chiamato il 118 e allertato le forze dell’ordine: in seguito la pensionata è stata trasportata al pronto soccorso dell’arcispedale Santa Maria Nuova, dove se l’è cavata con lesioni lievi e dove è stata giudicata guaribile in tre giorni.

Non aveva calcolato, il pirata della strada, che a seguito dello schianto la targa della sua auto si era staccata ed era rimasta sull’asfalto. È stato quindi semplice, per gli agenti della municipale, risalire all’intestatario dell’Audi, che è risultata essere una giovane albanese: la moglie del 25enne, ignara dell’accaduto. Quando, in tempi record - circa un’ora dopo l’incidente - gli agenti della questura si sono presentati a casa della donna, il 25enne ha ammesso le sue responsabilità, anche per scagionare la moglie. E ha confessato il motivo del suo comportamento: non aveva la patente di guida, non l’aveva mai conseguita.

Era fuggito proprio perché temeva le conseguenze della sua palese irregolarità, ma si è detto pentito dell’accaduto. Nei suoi confronti è scattata la denuncia per omissione di soccorso, la maxi multa (il reato di guida senza patente è stato depenalizzato e sostituito da una sanzione amministrativa alquanto salata), mentre l’Audi è stata sottoposta a fermo amministrativo per tre mesi.