Vende online le playstation, ma è un truffatore seriale

Poviglio, l'ultima vittima un 30enne che voleva fare un regalo al figlio. La sua denuncia è valsa a identificare e incastrare l'autore di una serie di raggiri

POVIGLIO. Voleva fare un regalo al figlio acquistando online una play station 4 pagata 120 euro. Ma un 30enne di Poviglio ha realizzato ben presto di essere rimasto vittima di un raggiro. Pagati i soldi infatti l'uomo che aveva messo in Rete l'annuncio si è fatto di nebbia. La denuncia del povigliese è valsa però a indentificare e denunciare un vero e proprio boss del raggiro online, un 38enne crotonese.

Secondo i carabinieri _ quelli di Poviglio all'opera in questa indagine _ i sogni di numerosi bambini, a un passo dalla loro realizzazione dopo essere riusciti a convincere i genitori ad acquistare la desiderata playstation 4, si sono infranti davanti alle malefatte del truffatore seriale, che vendeva online la famosa consolle. Una volta intascato l'importo il gioco naturalmente non veniva mai spedito.

Il malvivente si è dimostrato molto abile: il raggiro funzionava grazie a un’inserzione esca associata a un numero telefonico e una carta prepagata dove ricevere i soldi. L'uomo si era insidiato nei siti di compravendita più cliccati piazzando annunci trattanti esclusivamente la vendita delle ambite consolle playstation 4 che poi non spediva.

Le trattative poi correvano via WhatsApp e, quando sulla carta prepagata veniva accreditato il corrispettivo dovuto, il gioco era fatto. L’acquirente truffato non poteva nemmeno lamentare il ritardo nella spedizione: il truffatore infatti, una volta intascati i soldi, cancellava anche il profilo WhatsApp.

Una vero e proprio boss del raggiro, dunque, il 38enne crotonese scoperto dai carabinieri della stazione di Poviglio, che, alla fine, l’hanno denunciatoper il reato di truffa.

Nel reggiano la vittima, un 30enne di Poviglio, con l’intento di fare il desiderato regalo al figlio, ha risposto ad un annuncio su un sito di e-commerce acquistando una play station commercializzata a 120 euro. Soldi che ha versato tramite bonifico, per poi scoprire di essere stato raggirato allorquando non ha ricevuto il giocattolo acquistato.

Dopo aver invano cercato di ricontattare il venditore la vittima si è presentata ai carabinieri di Poviglio formalizzando la denuncia per truffa. Dopo mirate indagini telematiche i militari hanno catalizzato le attenzioni investigative sull’indagato, nei cui confronti sono state acquisite una serie di incontrovertibili elementi di responsabilità, per il reato di truffa per il quale è stato poi denunciato.