Luzzara, anziano resta schiacciato dalla sua auto

Ferito Cesare Bulgarelli, presidente del Museo del Truciolo. Stava mostrando la sua nuova Peugeot ad un amico

LUZZARA. Grave infortunio, venerdì poco dopo mezzogiorno, nel cortile dell’abitazione situata in via Falcone a Villarotta.

A rimanere ferito è stato Cesare Bulgarelli, 75 anni, presidente del locale “Museo del Truciolo”. Bulgarelli stava facendo vedere all’amico Angelo Leidi, critico d’arte e socio del museo, il suo nuovo Suv Peugeot 2008, acquistato da poco. Ha acceso il motore restando con le gambe fuori dall’abitacolo, ma la macchina all’improvviso ha fatto un balzo in avanti. La portiera dell’auto, che era semiaperta, ha urtato il piantone di ferro che sorregge un gazebo e si è chiusa violentemente sulle gambe del pensionato, schiacciandole.

L’auto si è poi fermata contro una panchina situata davanti alla porta d’ingresso dell’abitazione.

Bulgarelli, seriamente ferito alle gambe, ha iniziato a gridare per il dolore. Angelo Leidi, assieme alla moglie del pensionato, hanno subito soccorso l’infortunato, spostando l’auto per agevolare la completa apertura della portiera.

Poi l’mmediata chiamata al 118. Sul posto è arrivata un’ambulanza della Croce Rossa di Guastalla assieme all’automedica.

«Le mie gambe! Le mie gambe! Non le sento più!», gridava il 75enne mentre medici e paramedici cercavano di lenire il dolore con una flebo fisiologica contente antidolorifici.

L’uomo è stato trasportato all’ospedale di Guastalla, dove ieri pomeriggio è stato operato per una serie di tagli e una frattura agli arti inferiori.

«È successo tutto in una manciata di secondi – racconta Angelo Leidi –. Voleva farmi vedere la sua nuova auto parcheggiata sotto il gazebo. Dopo averla avviata, è improvvisamente partita e Cesare è rimasto metà dentro e metà fuori. La portiera, finita contro il palo del gazebo, gli ha schiacciato le gambe come in una morsa. Le sue urla di dolore arrivavano al cielo. L’ho tirato fuori io assieme a sua moglie». Il fratello Atos, che abita nella casa accanto, quando ha saputo dell’infortunio è corso nel cortile e, vedendo Cesare a terra dolorante, è scoppiato in lacrime. (m.p.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA.