Scuola di musica lavori terminati Si cercano gestori

di Mauro Pinotti

Guastalla, l’inaugurazione prevista alla fine di marzo L’assessore Lanzoni: «Non vediamo l’ora che sia riaperta»

GUASTALLA. I lavori alla scuola di musica a Pieve di Guastalla sono terminati. L’inaugurazione è prevista tra la fine di marzo e gli inizi di aprile.

«Non basta che sia stata recuperata e adeguata alle norme antisismiche – dice l’assessore all’urbanistica e lavori pubblici, Chiara Lanzoni – ora bisogna stipulare le convenzioni con le associazioni che gestiranno la scuola. Anche noi, come amministrazione comunale, non vediamo l’ora che venga utilizzata la nuova sede, dato che ora la scuola è situata in via Spalti, nell’ex sede della polizia municipale». L’edificio è composto da tre corpi di fabbrica, disposti attorno ad una corte a giardino, coperti con tetti a due falde. Le scosse sismiche del maggio 2012 l’avevano seriamente lesionato. Per rimetterlo a nuovo sono stati investiti 900.000 euro, di cui 800.000 finanziati dalla Regione Emilia Romagna e 100.000 da risorse comunali. Nell’ala Ovest si trovano gli spazi della didattica, l’accesso, i servizi e il ripostiglio per la scuola di musica. Nel corpo centrale, su via Pieve, è ospitata la sala per la danza e dei piccoli spazi di servizio annessi. Infine, nella zona Est c’è la sala prove della banda, i magazzini e i servizi. Le testate a Sud dell’edificio, sia nell’ala Est che nell’ala Ovest, sono definibili come corpi aggiunti non pienamente integrati. I livelli di pavimento interni nei diversi ambienti e fra i tre corpi di fabbrica presentano lievi differenze. Le finiture esterne e, soprattutto, quelle interne presentano caratteri differenti per stato di conservazione, connotazioni cromatiche e materiali impiegati. Le opere riguardavano principalmente la riparazione e il miglioramento delle prestazioni energetiche dell’edificio, attraverso la realizzazione di nuovi impianti e la sostituzione degli infissi. L’edificio, a breve, ospiterà la scuola di musica, il coro civico e il corpo filarmonico “Bonafini”.

©RIPRODUZIONE RISERVATA