I grandi campioni del passato a Campagnola per la “Bici al chiodo”

di Aldo Spadoni

Domenica saranno premiati Petacchi, Baronchelli e Chiappucci. Un riconoscimento anche alla giovane Rachele Barbieri e ad altri emergenti

CAMPAGNOLA EMILIA. Si terrà domenica, a Campagnola Emilia, il tradizionale appuntamento de “La bici al chiodo”. La manifestazione – giunta alla sua 40esima edizione – è organizzata dall’Associazione nazionale ex corridori ciclisti, e in prima persona dal presidente Paolo Tedeschi, per ricordare e premiare i grandi campioni delle due ruote.

All’appuntamento prenderanno parte circa 500 invitati, tra ex campioni, dirigenti e addetti ai lavori, primo tra tutti il presidente della Federazione ciclistica Renato di Rocco.

Saranno premiati Alessandro Petacchi, Giovanbattista Baronchelli, Claudio Chiappucci e Daniele Pietropolli. A Petacchi – che con 179 successi è il quarto corridore italiano con più vittorie da professionista – andrà il premio “La bici al chiodo”. A Baronchelli (che nel 1980 fu medaglia d'argento ai mondiali di Sallanches) e Chiappucci (che nel 1994 conquistò la medaglia d'argento ai Mondiali di Agrigento) il premio “Grandi ex”. Daniele Pietropolli riceverà il premio alla carriera.

Non solo. Anche Daniel Savini (della Romagnano Guerciotti) riceverà un premio, e precisamente quello in memoria di “William Grassi”. L’atleta – che vive in Toscana ma è reggiano a tutti gli effetti essendo originario di Castelnovo Sotto ed è cresciuto ciclisticamente nel Team Barba Gualtieri – ha vinto undici gare e conseguito quattro posti tutti di caratura nazionale e internazionale.

Nella sezione giovani, premio speciale all’indiscusso talento dell’Uc Sozzigalli Francesco Calì, dominatore assoluto della stagione nella categoria Esordienti. Toccherà poi a Jacopo Cavicchioli, l’atleta di Nonantola in forza alla Sancarlese che sull’anello del Velodromo di Dalmine si è aggiudicato la maglia tricolore della corsa a punti Allievi maschile, su strada vittorie nel Trofeo Mioli e nel Caduti della Liberazione sul circuito di Calcara.

Sempre tra gli allievi, riconoscimento al suo compagno Giovanni Aleotti che in stagione ha collezionato successi di prestigio come Gp Valsamoggia, Memorial Luciano Pezzi, Coppa Alcide Nanetti, Gp Città della Decima, secondo poi agli Italiani della Corsa a Punti.

Il premio “Fabio Saccani”, invece, andrà alla giovane nazionale azzurra Rachele Barbieri, l’atleta di Serramazzoni che difende i colori del Team Vecchia Fontana .