De Nicolao e Polonara in cattedra per insegnare a tifare bene

Al termine della lezione i ragazzi di quarta e quinta della scuola elementare Besenzi di Coviolo hanno salutato i loro campioni intonando il coro "Totalmente dipendente"

REGGIO EMILIA. Tanto calore per De Nicolao e Polonara protagonisti a Coviolo del terzo appuntamento di “Scuola di Tifo”.

Le quarte e le quinte della scuola elementare Besenzi di Coviolo hanno ospitato gli atleti della Grissin Bon e l'ideatore dell'iniziativa, Emanuele Maccaferri.

Emozionatissimi, i ragazzi -una cinquantina circa - hanno dimostrato di conoscere molto bene il basket e di seguire la squadra biancorossa, oltre a condividere l'importanza del buon tifo.



Dopo una breve introduzione di Maccaferri - che ha spiegato le finalità del progetto, cioè istruire i giovani a un tifo positivo che dia carica ed energia alla propria squadra, prendendo coscienza che gli avversari in campo non sono “nemici” -  la parola è andata ad Andrea De Nicolao e ad Achille Polonara che hanno raccontato brevemente la propria carriera e la propria esperienza nelle diverse città dove hanno giocato.

In particolare i due giocatori si sono soffermati sulla comune parentesi vissuta a Varese per due anni: una prima stagione ricca di successi, la seconda più difficile. De Nicolao e Polonara hanno utilizzato questo esempio per far capire alla giovane platea come sia facile sostenere una squadra quando va tutto bene ma quanto sia invece importante per gli atleti sentire il calore del proprio pubblico nelle difficoltà, un sostegno capace di dare la carica giusta per superare i momenti più duri.

Al termine della "lezione" gli studenti presenti sono stati suddivisi in gruppi e a turno hanno giocato con gli atleti della Grissin Bon e tifato a bordo campo per i propri compagni. Dopo aver sottoposto a un vero e proprio "interrogatorio" i due campioni, infine, i ragazzi li hanno salutati intonando il coro “Totalmente dipendente”.