PUGILATO

La Boxe Tricolore si trasferisce al Mirabello

Reggio Emilia: la nuova sede della società pugilistica del maestro Sergio Cavallari si  trasferisce  nella palestra "Zavaroni" sotto le tribune del vecchio stadio. Il 27 maggio l'Open day per la città

Reggio Emilia: il sindaco Vecchi e l'assessore Foracchia si danno alla boxe

REGGIO EMILIA. Sport, boxe in particolare, coesione sociale e integrazione vanno a braccetto allo stadio Mirabello, nel quartiere omonimo e a pochi passi da un altro quartiere, quello della stazione, il più multiculturale e internazionale di Reggio Emilia.

Avviene da quando, in questi giorni, la Boxe Tricolore, storica società sportiva reggiana, si è trasferita dalla sede di Cavazzoli al glorioso stadio cittadino, nella palestra 'Zavaroni B' (ingresso da via Matteotti, 2), allestita di tutto punto con attrezzi, ring, guantoni e quel che serve per la preparazione atletica e pugilistica: una migliore offerta per i numerosi iscritti e frequentatori della disciplina sportiva.



La società Boxe Tricolore, d'intesa con la Rugby Reggio che gestisce l'impianto del Mirabello e con la Fondazione per lo Sport del Comune di Reggio Emilia, si è infatti resta disponibile a sviluppare progetti che associno sport, relazione sociale ed educazione insieme con i diversi soggetti – fra cui Dimora d'Abramo, Cores, Solidarietà 90, Mondinsieme - che operano nei due quartieri e si occupano di coesione, educazione e integrazione sociale di cittadini italiani e di origine non italiana a Reggio Emilia.

Il prossimo 27 maggio, dalle 10 alle 17, è in programma un Open day per la presentazione della nuova sede e delle attività.

“La sede della boxe reggiana qui al Mirabello – ha detto il sindaco Luca Vecchi – è un fatto molto positivo, che consente di raggiungere tre obiettivi: una sede sportiva più idonea per la boxe Tricolore, un'offerta sociale ed educativa importante, e un nuovo punto di riferimento e animazione per i quartieri che gravitano intorno al Mirabello. Le proposte di Boxe Tricolore e delle altre organizzazioni qui al Mirabello offriranno, accanto a funzioni agonistiche, occasioni di incontro, impegno, opportunità di esprimere la propria personalità, quindi opportunità di emancipazione e crescita: la dimensione sportiva si fonde felicemente con quella educativa".



“La nuova sede di Boxe Tricolore – ha aggiunto il sindaco - è il più recente dei 10 interventi di riqualificazione e miglioramento funzionale di impianti sportivi 'di base' che abbiamo realizzato negli ultimi tempi grazie a Fondazione per lo sport e società sportive"

In particolare, "nell'anno della riqualificazione e dell'ampliamento dell'impianto pubblico più grande, il Palazzetto dello sport, non si abbassa la nostra attenzione verso gli impianti diffusi nei quartieri e vitali per le società, i cui tesserati e le cui attività sono in costante crescita nell'ultimo decennio”.