Paltrinieri strepitoso stravince i 1500 e centra il primo oro

Nuoto, il campione si impone di 10” sull’ucraino Romanchuk  Ora “Greg” è atteso a una replica negli 800 e nei 10 km 

NOVELLARA. Strepitoso, inarrivabile, semplicemente di un altro pianeta: Olimpiadi, Mondiali, Europei e ora Universiadi.

Il re dei 1500 stile libero è solo Gregorio Paltrinieri che firma la “long distance” anche nella ventinovesima edizione di Taipei chiusa in 14’47”75 con il record della manifestazione.

Medaglia d’oro, quindi, per il fuoriclasse carpigiano che è sportivamente cresciuto a Novellara dove il padre Luca era responsabile della piscina.

A Taipei, il forte ucraino Mykhailo Romanchuck rimane infatti alle spalle di Greg, staccato di dieci secondi,

Romanchuck chiude in 14'57"51: argento ai Mondiali di Budapest, dove aveva osato far soffrire il “Fenomeno” rimanendogli incollato fino ai 1200 metri.

L’ucraino, compagno di stanza di “Greg” al Centro Federale di Ostia, stavolta ha ceduto subito il passo a senza opporre agguerrita resistenza.

Costante il ritmo dell'olimpionico, atteso domani dagli 800 stile libero e domenica dalla 10 chilometri in acque libere, con passi gara da 29"5 e 29"8.

Troppo anche per il volenteroso Romanchuk che ha tenuto per metà gara, chiusa a due secondi e mezzo di distacco. Poi il lento scivolamento con split negativi di mezzo secondo ogni 50 metri.

Al terzo posto si è invece piazzato l'ungherese Gergely Gyurta che chiude 15'01"11. Dopo una prima fase tra le prime posizioni, scala all'ultimo posto il potentino Domenico Acerenza che in corsia 4 non riesce a confermare le belle impressioni della batteria e termina ottavo in 15'12"02 peggiorandosi di ben 14 secondi da ieri.

La stanchezza che aveva dichiarato si è fatta sentire in vasca.

Ordine di arrivo 1500 metri. 1. Gregorio Paltrinieri (Italia) 14’47”75; 2. Mykhailo Romanchuck (Ucraina) 14'57"51; 3. Gergely Gyurta (Ungheria) 15'01"11; 8. Domenico Acerenza 15'12"02.

A caccia del tris. Gregorio Paltrinieri ha un obiettivo ambizioso: tornare in Italia dalle Universiadi con tre medaglie, meglio ancora se del metallo più prezioso.

La prima l’ha centrata ieri nei 1500 stile libero.

Oggi gareggerà nelle batterie degli 800, la finale è in programma domani).

Domenica, “Greg” chiuderà con la 10 chilometri di fondo in acque libere.

Una gara, questa, estremamente impegnativa che però Paltrinieri è determinato a far sua.

©RIPRODUZIONE RISERVATA.