Universiadi: Paltrinieri cerca un altro oro, delusione Ferrari

REGGIO EMILIA. Dopo le batterie degli 800m di ieri, oggi Gregorio Paltrinieri tornerà in vasca per cercare il secondo oro alle Universiadi di Taipei. Alla finale, “Greg” è arrivato con il quarto...

REGGIO EMILIA. Dopo le batterie degli 800m di ieri, oggi Gregorio Paltrinieri tornerà in vasca per cercare il secondo oro alle Universiadi di Taipei. Alla finale, “Greg” è arrivato con il quarto tempo (7’57”98).

Marta Ferrari invece chiude con un sesto posto nella spada femminile a squadre la sua esperienza con le Universiadi. Dopo il 17esimo posto nella gara individuale, la Ferrari disputa una bella gara a squadre alla quale la formazione azzurra, composta anche da Alice Clerici e Roberta Marzani oltre a Nicol Foietta, riserva, arrivava come numero 3 del tabellone, grazie alla somma delle prestazioni individuali. Subito battuto 34-26 Hong Kong nella sfida per entrare nelle prime otto. Le azzurre hanno poi incrociato le spade con la Francia per entrare nelle prime quattro. Una sfida che si chiude con un 45-40 per la transalpine, con la azzurre calate nel finale che hanno mandato a vuoto due assalti che avrebbero potuto cambiare le sorti dell’incontro. «Speravamo in una medaglia - dice Ferrari - ma abbiamo dato tutto. Abbiamo commesso imprecisioni che ci sono costate la vittoria». Ora per la spadista reggiana ci sarà la laurea a settembre e, prima, sarà con la squadra dell’Aeronautica Militare ai Campionati del Mondo Militari dal 12 al 18 settembre. Un buon risultato potrebbe aumentare le possibilità della Ferrari, sesta in Italia nel ranking della spada, di essere inserita nella squadra olimpica per Tokyo2020. (a.z.)